In evidenza questo mese

Il nuovo sito Dors!

A distanza di qualche anno dalla pubblicazione della nuova veste grafica del nostro sito, nel 2011, abbiamo deciso di cambiare ancora. Grazie ai vostri suggerimenti, al supporto di alcuni esperti di comunicazione e giornalisti scientifici e in accordo con le nuove tecnologie e tendenze del web, Dors propone un sito completamente rinnovato sull'accessibilità dei contenuti e nella veste grafica. Ci scusiamo con i nostri utenti se in queste settimane ci saranno alcune aree del sito in fase di completamento ed eventualmente alcuni problemi tecnici. Rimane, in ogni caso, consultabile il vecchio sito con tutti i documenti e articoli pubblicati in questi anni. Ci auguriamo che il lavoro fatto possa migliorare l’accesso alle informazioni pubblicate... buona navigazione.

La Regione Piemonte completa il disegno della prevenzione nel servizio sanitario regionale

Nelle scorse settimane la Giunta regionale piemontese ha deliberato i programmi del Piano di Prevenzione 2015-2018, l’atto ‘Interventi per il riordino della rete territoriale del Servizio Sanitario Regionale’ e il Piano Regionale Integrato 2015-2018 per la Sicurezza Alimentare. Con questi tre atti di programmazione indirizza e sostiene le aziende sanitarie locali anche nella scrittura dei piani locali della prevenzione (la scadenza è fissata per il 31 luglio 2015).

La salute degli adolescenti è (anche) sui social

I social media sempre più si dimostrano efficaci strumenti per iniziative di promozione della salute, in particolare quelle indirizzate ai giovani. La revisione sistematica che Dors traduce e sintetizza, evidenzia alcune efficaci modalità di utilizzo dei social media per raggiungere e coinvolgere gli adolescenti sui temi riguardanti gli stili di vita e i comportamenti a rischio.

Io sono Cheng: una storia di infortunio di ordinaria schiavitù

Un operaio cinese lavorava in un piccolo laboratorio della pietra come addetto al taglio. Mentre tagliava dei cubetti in pietra ha subito lo schiacciamento della mano destra a causa del mancato funzionamento dei sistemi di sicurezza. Ha riportato lesioni permanenti che tutt’oggi limitano la sua capacità lavorativa.

7 obiettivi per garantire la salute mentale in Europa

E� stato pubblicato il Piano d�azione europeo 2013-2020 sulla salute mentale. Sono proposti obiettivi e azioni efficaci per promuovere la salute mentale e il benessere psicofisico, migliorando la qualit� della vita individuale e collettiva nei Paesi dell'Unione Europea.

Convegno Internazionale Co-Health

Il programma definitivo del convegno che si terrà il 12 e 13 novembre 2015, è disponibile sul sito del progetto www.cohealth.it. Il Convegno conclude il progetto di ricerca “Co-Health: Arte, Benessere e Cura – La formazione alle competenze comunicative e relazionali attraverso il teatro” destinato agli operatori sanitari.

Incidenti non intenzionali e disuguaglianze. Cosa si può fare?

Gli incidenti non intenzionali sono prevedibili e prevenibili. Politiche e interventi di contrasto agli incidenti per essere orientati all'equità devono avere lo stesso impatto (se non addirittura un impatto maggiore) sui gruppi più vulnerabili della popolazione. Così si potranno contrastare efficacemente le disuguaglianze di salute e verrà colmato il forte divario ancora esistente tra poveri e ricchi.

Buone pratiche cercasi. Il progetto ‘Camminare sui sentieri del benessere’

Questo progetto - dell’Asl Torino 4 - ha ottenuto il riconoscimento di buona pratica. Principali punti di forza del progetto sono: il gruppo di lavoro multidisciplinare e intersettoriale, le alleanze costruite con la comunità, l’attenzione alla valutazione dei risultati, la sostenibilità e la trasferibilità dell’esperienza.

Le infezioni sessualmente trasmesse in Piemonte

Il Servizio di riferimento regionale di epidemiologia per la sorveglianza, la prevenzione e il controllo delle malattie infettive (SEREMI) del Piemonte ha pubblicato il Report sulle infezioni sessualmente trasmesse aggiornato al 2013. I dati consentono di monitorare gli andamenti delle infezioni e di ottenere indicazioni utili per programmare interventi di prevenzione.

Le disuguaglianze di salute e il ruolo della sanità

Il sistema sanitario italiano di tipo universalistico dovrebbe garantire uguali cure per tutti. Non sempre è così:le persone meno istruite usano le cure in modo meno appropriato, incontrano ostacoli nell’accesso alle procedure diagnostiche e terapeutiche più efficaci e presentano esiti di cura più sfavorevoli.

Secondo corso su "Health Equity Audit"

Il corso che si svolgerà a Bari dal 6 al 9 ottobre 2015 si propone di introdurre allo studio e alla progettazione di iniziative di contrasto delle disuguaglianze di salute evitabili, con particolare riguardo agli obiettivi del Piano nazionale di prevenzione 2014-2018.