Vai al contenuto

Dors

Troppe cose non erano chiare a tutti..

Darshit, un operaio di circa 40 anni, ha subito gravi lesioni a seguito di un infortunio sul lavoro avvenuto in un cantiere di un tratto autostradale della costiera marchigiana. Lavorava per una ditta incaricata di costruire la terza corsia dell’autostrada. Per farlo occorreva ingrandire i viadotti iniziando dall’allargarne i pilastri. Un’operazione in cui si infigge nel terreno una serie di micropali attorno ai quali viene gettato il cemento. Darshit e altri due operai, Riccardo e Paolo, lavoravano alla realizzazione dei micropali, costituiti da spezzoni di tubolare metallico con le estremità filettate, che venivano avvitati l’uno sull’altro e progressivamente infissi nel terreno, per essere poi inclusi nei pilastri in cemento a sostegno della nuova corsia autostradale.
Questa è la centocinquesima storia di infortunio aggiunta al repertorio, nel quale sono raccolte le storie scritte dagli operatori dei servizi di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro che partecipano al progetto “Identificare cause e soluzioni degli infortuni lavorativi. Il modello comunità di pratica e narrazione”. Vai al repertorio delle storie di infortunio, leggi direttamente la sintesi della storia o la storia completa “Troppe cose non erano chiare a tutti”.

Articoli correlati

Maggio
13

Invisibili

E’ stata pubblicata una nuova raccolta di racconti di infortuni sul lavoro. E’ scaricabile gratuitamente in calce a questo articolo.
Lidia Fubini
Aprile
23

Violenze, rischio aggressione e molestie sul luogo di lavoro

In occasione della Giornata nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari, FP Cgil Piemonte ha organizzato, il 26 marzo 2024, un seminario dal titolo
Marina Penasso
Aprile
23

Podcast Storie di infortunio: due nuovi episodi “per voce femminile”

Per contribuire alla Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro, celebrata il 28 aprile, pubblichiamo due nuovi episodi del podcast
Eleonora Tosco

Iscriviti gratuitamente
alla nostra newsletter

O seguici sui nostri canali