Vai al contenuto

Dors

Papà e bambino durante la lettura di un libro

Candidare progetti con pratiche di Cultura e Salute: la nuova mappatura nel Nord-Ovest

Sei un’Organizzazione o un Ente che opera in Piemonte, Liguria o Valle d’Aosta a favore del ben-essere e della salute delle persone e della collettività attraverso i linguaggi e le pratiche artistiche e culturali? Segnala le tue progettualità, compilando il questionario entro il 15 maggio.

La Fondazione Compagnia di San Paolo – con CCW-Cultural Welfare Center, in collaborazione con DoRS Regione Piemonte – Centro di Documentazione Regionale per la Promozione della Salute e Fondazione Medicina a Misura di Donna e Osservatorio Culturale del Piemonte  – ha deciso di avviare una nuova mappatura delle progettualità che si fondano sulle pratiche artistiche e culturali che negli ultimi cinque anni (2019-2024) hanno animato il territorio della macro-regione del Nord-Ovest: Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta.

La ricerca, aggiornando la prima rilevazione del 2020 (sintesi della ricerca), intende mappare le esperienze maggiormente significative maturate negli ultimi cinque anni, che si pongono l’obiettivo di rispondere alle principali sfide di salute pubblica della contemporaneità, quali ad esempio: il ben-essere mentale dei ragazzi e dei giovani, l’invecchiamento attivo e la gestione delle cronicità, lo sviluppo nella prima infanzia e il supporto alla genitorialità, il contrasto delle disuguaglianze sociali nella salute e nell’accesso ai servizi sanitari… Esperienze progettuali contraddistinte da caratteristiche di innovazione, replicabilità e scalabilità.


Le esperienze progettuali da proporre sono quelle che hanno utilizzato pratiche artistiche o culturali che prevedano un coinvolgimento attivo da parte del destinatario (pratiche da fare) oppure la loro fruizione (pratiche da vedere). Queste possono essere proposte in vari contesti, dagli ospedali ai servizi delle cure primarie, dalla scuola ai luoghi di lavoro, dai luoghi della cultura alla comunità locale.

Le pratiche artistiche e culturali da considerare sono:

le arti performative (ad esempio teatro, danza, canto, musica, film…)

le arti visive, il design e l’artigianato (pittura, fotografia, scultura, tessile e altri prodotti di design e dell’artigianato…)

la letteratura (scrittura, lettura, partecipazione a festival letterari…)

la cultura (musei, gallerie, mostre d’arte, concerti, teatro, eventi comunitari, festival e fiere culturali…)

le arti online, digitali ed elettroniche (animazioni, film-making, computer grafica…).


Gli ambiti in cui possono essere state realizzati i progetti sono:

•  Cultura e promozione della salute, compresa la prevenzione primaria (si fa riferimento principalmente a tutti i progetti che, con la partecipazione alle offerte culturali del territorio, hanno come obiettivo diretto il perseguimento del ben-essere e della prevenzione primaria)

Cultura, relazione di cura e medical humanities (esperienze che, attraverso le arti performative e azioni ed esperienze di formazione, influiscano e migliorino la qualità della relazione di cura tra personale sanitario e paziente o i caregiver)

Cultura e interventi nei luoghi di cura (progetti che hanno come finalità la trasformazione dei luoghi di cura nella direzione di una maggiore umanizzazione grazie alla cultura)

Ben-essere e salute attraverso le istituzioni culturali e al loro interno (percorsi di diversa tipologia e natura di ben-essere e cura realizzati nei luoghi della cultura e integrati nella programmazione delle istituzioni culturali).

Se la tua Organizzazione o il tuo Ente è uno degli attori di questo nuovo scenario che si sta delineando, ti invitiamo a rispondere a questa indagine e far parte di un osservatorio partecipato per favorire il confronto, l’acquisizione di nuove conoscenze e la legittimazione del contributo della cultura al ben-essere, alla salute e alla cura delle persone e della collettività, aumentandone il valore e la riconoscibilità.

Compilare il questionario richiede circa 20 minuti: una volta iniziato è possibile salvare le risposte e riprendere la compilazione in un secondo momento. Ecco il link.

Per la presentazione e il confronto sui temi della mappatura è stato organizzato il seguente webinar (10 aprile, ore 16-18): Dove siamo? La ricerca sulle pratiche tra Cultura e Salute nel Nord Ovest si aggiorna | Edizione 2024.

La registrazione del webinar è disponibile al seguente link.

Nel corso dell’incontro sono stati presentati inoltre la traduzione in lingua italiana del manuale di prescrizione sociale (OMS, 2022) e il magazine tematico di Economia della Cultura dedicato a Cultura, Ben-essere e Salute, curati da CCW con partner, tra cui DoRS Regione Piemonte. Entrambi i documenti sono disponibili in open source.

Sono intervenuti:

Sandra Aloia, Responsabile programma Well Impact- Missione Partecipazione Attiva, Obiettivo Cultura della Fondazione Compagnia di San Paolo

Annalisa Cicerchia, Luca Dal Pozzolo, Pier Luigi Sacco, Catterina Seia, Alessandra Rossi Ghiglione, soci e socie CCW – Cultural Welfare Center

Dal mondo della Sanità, la prof.ssa Chiara Benedetto – Presidente della Fondazione Medicina a Misura di Donna, Ilaria Lega – ISS – Istituto Superiore di Sanità e Antonella Bena, DoRS Regione Piemonte

Grazie per il tuo lavoro e per la partecipazione!

Contatti: segreteria@culturalwelfare.center

Articoli correlati

Maggio
23

La cultura risorsa per la salute

Le Reti HPH&HS danno appuntamento a Torino (4-5 giugno) per un’occasione di studio e confronto: riconsiderare la dimensione umana della relazione di cura attraverso l’approccio delle arti e della cultura,
Claudio Tortone
Marzo
27

La prescrizione sociale: un modello per una pratica salutogenica

È disponibile la traduzione italiana del toolkit (OMS, 2022) curata da una rete di partner intersettoriale: Istituto Superiore di Sanità, CCW Cultural Welfare Center e DoRS Regione Piemonte e altri
Claudio Tortone
Dicembre
20

L’arte e la cultura hanno un impatto positivo sulla salute e il benessere della popolazione: il Report dell’University College di Londra

L’UCL – University College of London ha pubblicato un recente REPORT che sintetizza le ricerche svolte dal Social Biobehavioural Research Group negli ultimi 5 anni sul legame tra la partecipazione

Rita Longo, Marina Penasso, Claudio Tortone

Iscriviti gratuitamente
alla nostra newsletter

O seguici sui nostri canali