Vai al contenuto

Dors

Comunità attive. Ora c’è l’Accordo tra ANCI Piemonte e Regione Piemonte

Quando pensiamo ad azioni intersettoriali per promuovere salute, ci prefiguriamo di realizzare da subito un “intreccio” di ambiti, conoscenze, competenze, risorse, scelte e azioni.

Nell’edizione aggiornata 2021 del Glossario della promozione della salute, l’Organizzazione Mondiale della Salute definisce l’azione intersettoriale a favore della salute prima di tutto come “allineamento delle strategie di intervento e delle risorse tra gli attori di due o più settori politici, al fine di raggiungere obiettivi tra loro complementari, che migliorino la salute o i determinanti di salute”.

Allineare le agende dei decisori è un passaggio essenziale anche per dare la stessa priorità alla promozione dell’attività fisica nella vita delle persone e della comunità.

Disporre sulla stessa linea – ovvero dare lo stesso valore ai benefici che derivano da stili di vita attivi per le persone, nei territori, nelle comunità -, individuando opportunità comuni per sostenere l’attività fisica è uno tra i primi passaggi indicati dalla guida “10 ways to prioritise physical activity actions”, realizzata a fine 2022 dalla Società internazionale per l’attività fisica e la salute (Ispah).

La guida completa il documento “Eight investments that work for physical activity” (Ispah, 2020) che indica ai decisori politici e amministrativi gli interventi prioritari per promuovere l’attività fisica, a patto che essi adottino un approccio sistemico.

Perché, quando l’obiettivo è investire nella promozione di stili di vita salutari e attivi a livello di comunità, l’allineamento delle agende dei portatori di interesse appartenenti a più settori – Sanità, Enti Locali, Scuola, Pianificazione Urbanistica, Sport, Luoghi di valoro – garantisce la sostenibilità di tale approccio e migliora risultati di “ben-essere” e salute per:

  • identificare e ottenere il sostegno di più attori possibili che costituiscono il sistema
  • comprendere insieme le cause profonde dell’inattività fisica e come il lavoro di ciascuno possa contribuire alla soluzione
  • governare il processo e monitorare i risultati
  • concedere il tempo necessario per costruire o rafforzare le relazioni, per sviluppare la fiducia tra i partner e per assicurarsi che il sistema disponga delle capacità e dei mezzi necessari per il cambiamento auspicato.

Questi sono i principi e i valori che hanno guidato, a luglio 2023, ANCI Piemonte e Regione Piemonte ad approvare lo schema di Accordo di collaborazione per sostenere lo sviluppo di Comunità attive perché entrambi riconoscono come finalità comune il ben-essere dei cittadini e condividono l’importanza di promuovere e supportare politiche e azioni integrate e intersettoriali per rendere gli ambienti di vita più salutari, inclusivi e favorevoli alla promozione della salute, con particolare attenzione ai gruppi più vulnerabili della popolazione.
Ai primi di ottobre l’Accordo approvato è stato firmato dalle parti.

L’Accordo di collaborazione tra ANCI Piemonte e Regione Piemonte è il risultato importante di un percorso di dialogo e confronto avviato nel 2022 da Regione Piemonte con l’Associazione Regionale dei Comuni piemontesi nell’ambito della programmazione regionale del Piano di Prevenzione 2020-2025 (PRP) – Programma 16. Governance del Piano regionale di prevenzione.

L’Accordo vuole sostenere le iniziative di promozione di stili di vita salutari, previste da tutti i programmi del PRP e in particolare le azioni locali del Programma 2 Comunità Attive. Le comunità locali diventano protagoniste di una collaborazione e co-progettazione, valorizzando le tante risorse già esistenti e attivandone di nuove, che vede nelle Amministrazioni Locali un punto di riferimento e coordinamento.

Dors ha intervistato chi ha seguito l’iter di costruzione di questo Accordo e che parteciperà alla nuova fase del percorso, già avviata in queste settimane, per definire strategie condivise volte a concretizzare le finalità e gli obiettivi dell’Accordo stesso.

Per ANCI Piemonte, abbiamo chiesto a Marco Orlando – Direttore ANCI Piemonte, Vincenzo Andrea Camarda – Vicepresidente ANCI Piemonte con deleghe alle Politiche del Welfare, Immigrazione e Edilizia sociale –, Carla Dell’Accio – Responsabile ufficio relazioni istituzionali e a Mara Begheldo – Segretario della consulta con deleghe alle Politiche del Welfare, Immigrazione e Edilizia sociale:

Come l’accordo con Regione Piemonte rappresenta il valore della collaborazione per promuovere comunità attive e per sostenere le Amministrazioni locali a tenere alto nelle proprie agende gli stili di vita attivi e salutari?

Il valore aggiunto lo possiamo sintetizzare in uno degli obiettivi dell’Accordo stesso impegnandoci a far sì che questo si concretizzi su tutti i territori: “consolidare i processi di intersettorialità a livello locale e sviluppare e mantenere reti che promuovano scelte favorevoli a comportamenti corretti per la salute”.

L’Accordo vuole essere e deve soprattutto essere un’ulteriore sollecitazione affinché gli amministratori locali, i dirigenti e i funzionari dei Comuni, possano esercitare, sul tema della salute, troppo spesso “delegato” alle ASL, un ruolo dinamico divenendo così vere e proprie “Comunità attive” attraverso la diffusione di prassi e comportamenti che favoriscano la prevenzione e l’adozione di uno stile di vita salutare.

I Comuni devono adattare e implementare le linee guida del Piano di Prevenzione in base alle specificità del loro territorio garantendo l’efficacia delle misure a livello locale e la collaborazione tra la Regione e i Comuni singoli è fondamentale per garantire una risposta coordinata ed efficace.

La collaborazione con ANCI favorisce la possibilità di promuovere a livello locale progetti di sensibilizzazione, campagne di promozione di stili di vita salutari e altre iniziative preventive, attraverso momenti partecipati e di veri e propri “laboratori di Comunità” con l’obiettivo di individuare le strategie migliori per quel Comune, proponendo azioni di accompagnamento e confronto costanti fra i diversi attori del singolo territorio ma anche momenti allargati di condivisione e crescita collettiva.

L’accordo è lo strumento privilegiato che favorisce l’individuazione delle buone prassi, il consolidamento dei processi, ma soprattutto vuole concretizzare azioni di informazione, formazione e sostegno ai Comuni, anche e soprattutto ai più piccoli, affinché possano beneficiare delle esperienze di altri, e attivare sui propri territori gli strumenti e le azioni necessarie per creare contesti favorevoli alla salute dei propri cittadini.

L’ANCI può così svolgere un ruolo chiave nel coordinare le azioni a livello comunale e facilitare la comunicazione fra gli enti locali e le autorità sanitarie.

Sul piano pratico, ciò presuppone anche l’elaborazione di nuove forme di collaborazione con organizzazioni della società civile, agenzie indipendenti e organismi di esperti che favoriscano lo sviluppo di sinergie tra soggetti pubblici e privati, finalizzate ad incentivare la cultura della prevenzione, promozione ed educazione alla salute, quale strumento utile e prezioso per responsabilizzare la comunità e i singoli a scelte di vita salutari.

 

Per Regione Piemonte, abbiamo chiesto a Gigliana Mainardi – Referente regionale per la promozione della salute, Monica Bonifetto – Referente regionale del Programma 16. Governance del Piano regionale di prevenzione e a Alda Cosola – Referente regionale del Programma 2. Comunità attive:

Come l’accordo con ANCI Piemonte rappresenta il valore della collaborazione per promuovere comunità attive e per sostenere i professionisti sanitari locali nel facilitare stili di vita attivi e salutari?

L’accordo con ANCI rappresenta per gli operatori sanitari una cornice istituzionale importante, per dare forza alle azioni che vengono intraprese e sviluppate a livello locale. 

Avere un accordo siglato con ANCI dà una forza maggiore a coloro che si interfacciano con i Comuni, perché sanno di muoversi all’interno di una intesa tra la Sanità regionale e l’Associazione dei Comuni piemontesi.

I professionisti sanitari nelle ASL si interfacciano di frequente con i Comuni (Sindaci, Assessori, Funzionari, ecc) per discutere delle azioni previste dal Piano di Prevenzione e della loro fattibilità, al fine di costruire alleanze preziose e indispensabili per la salute dei cittadini.

È infatti obiettivo comune promuovere la salute e far sì che le persone mantengano buone abitudini di vita, ovvero favorire la costruzione di ‘Comunità Attive’: ‘Attive’ sia dal punto di vista della pratica dell’attività fisica, ma anche nella vivacità e curiosità verso tutti gli ambiti della vita, che siano partecipanti attivi alle proposte culturali, artistiche, scientifiche, ambientali, sociali, presenti sul territorio.

Costruire e mantenere Comunità Attive significa valorizzare quanto già presente sui territori e renderlo noto ai cittadini, perché possano usufruirne. I servizi di promozione della salute delle ASL stanno infatti realizzando una mappatura per raccogliere e dare valore alle numerose attività presenti sul territorio, ambienti, luoghi naturali, strutture, progetti o iniziative presenti nei Comuni, tesi a facilitare una vita attiva.

Nei prossimi anni verrà infatti svolta una importante azione di comunicazione per far conoscere alla popolazione tutte le opportunità presenti.

 

Leggi e scarica la DGR n. 20-7269 del 24/07/2023 – Deliberazione della Giunta Regionale 24 luglio 2023, n. 20-7269 Piano Regionale di Prevenzione 2020-2025 (PRP) di cui alla DGR n. 16-4469 del 29/12/2021. Approvazione schema Accordo di collaborazione tra la Regione Piemonte e Associazione Nazionale Comuni Italiani – Associazione Regionale del Piemonte (ANCI Piemonte) per la promozione di ”Comunità attive”.

 

 

 

Foto articolo da Depositphoto.it

Articoli correlati

Marzo
27

Giornata mondiale dell’attività fisica. I materiali per l’edizione 2024

Per celebrare l’edizione di quest’anno, Dors mette a disposizione un poster e un decalogo per realizzare iniziative di sensibilizzazione in collaborazione con Comuni e Associazioni sul tema delle comunità attive.
Alessandra Suglia, Luisa Dettoni
Marzo
26

Glossario OMS 2021: le parole hanno la forza di cambiare il mondo!

Antonella Bena, Responsabile della SS DoRS, presenta il nuovo Glossario OMS della Promozione della Salute.
Antonella Bena
Marzo
18

Effetto dell’esercizio fisico sulla depressione: una revisione sistematica e meta-analisi di studi randomizzati e controllati

La revisione dimostra l’efficacia sulla depressione di diverse modalità di esercizio fisico: camminata, jogging, aerobica mista, yoga, tai chi e qigong. Gli effetti apparivano proporzionali all’intensità dell’esercizio prescritto e lo
Lidia Fubini

Iscriviti gratuitamente
alla nostra newsletter

O seguici sui nostri canali