Vai al contenuto

Dors

Sicurezza nei luoghi di lavoro: il focus della Settimana Europea sul lavoro nell’era digitale

Ogni anno, nel mese di ottobre, l’Europa si unisce per promuovere la sicurezza nei luoghi di lavoro attraverso la “Settimana Europea della Sicurezza e Salute sul Lavoro”. L’iniziativa mira a sensibilizzare i lavoratori, i datori di lavoro e le istituzioni sulle sfide legate alla sicurezza sul posto di lavoro, promuovendo una cultura della prevenzione.

Quest’anno la settimana europea, organizzata dall’EU-OSHA dal 23 al 27 ottobre, è incentrata sul tema della tecnologia digitale che offre maggiori opportunità ai lavoratori e ai datori di lavoro in molti luoghi di lavoro e in tutti i settori ma presenta anche maggiori sfide e rischi in termini di sicurezza e salute.

Secondo l’indagine ESENER del 2019 dell’EU-OSHA, la maggioranza delle imprese dell’UE ha integrato le tecnologie digitali nelle proprie operazioni, mentre solo il 6 % delle imprese dichiara di non utilizzarle. Tuttavia, nonostante l’uso crescente di robot, computer portatili, smartphone o dispositivi indossabili, in meno di un luogo di lavoro su quattro (24 %) nell’UE si sta discutendo in merito al potenziale impatto di tali tecnologie sulla sicurezza e sulla salute dei lavoratori.

Gli effetti sulla salute di questa transizione tecnologica sono parzialmente noti. Questi gli aspetti che destano maggiore preoccupazione:

  • Monitoraggio digitale, perdita di autonomia, intensificazione del lavoro e pressione a operare a un determinato livello.
  • I posti di lavoro dei quadri intermedi sono sostituiti da algoritmi che assegnano compiti ai lavoratori e ne monitorano le prestazioni.
  • Perdita del controllo sul lavoro, frammentazione delle posizioni lavorative in mansioni molto semplici da eseguire in modo standard, riduzione del contenuto lavorativo e dequalificazione professionale.
  • Isolamento dei lavoratori, aumento delle interazioni virtuali e perdita di sostegno tra pari.
  • Decisioni scorrette o inique nei confronti dei lavoratori derivanti da processi automatizzati o semiautomatizzati che utilizzano dati e/o software contenenti errori.
  • Sistemi di richiami e sanzioni e valutazione delle prestazioni dei lavoratori.
  • Responsabilità poco chiara in materia di SSL e applicabilità dell’attuale quadro normativo in materia di SSL.
  • Mobilità, flessibilità, disponibilità 24/7 e confusione dei confini tra vita professionale e vita privata

La campagna si basa su cinque obiettivi principali:

  • Sensibilizzare in merito all’importanza, alla pertinenza e alle implicazioni per la sicurezza e la salute sul lavoro (SSL) della trasformazione digitale del lavoro.
  • Aumentare la consapevolezza e la conoscenza pratica di tutti in tutti i settori, tipi di luoghi di lavoro e gruppi specifici di lavoratori (ad esempio donne, migranti) in merito a un uso sicuro e produttivo delle tecnologie digitali sul lavoro.
  • Migliorare la conoscenza dei rischi nuovi ed emergenti e delle opportunità connessi alla trasformazione digitale del lavoro.
  • Promuovere la valutazione dei rischi e una gestione proattiva, sotto il profilo della salute e della sicurezza, della trasformazione digitale del lavoro fornendo accesso a risorse pertinenti (ad esempio buone pratiche, liste di controllo, strumenti e orientamenti).
  • Riunire le parti interessate per facilitare lo scambio di informazioni, conoscenze e buone pratiche, oltre a favorire la collaborazione per una trasformazione digitale del lavoro sicura e produttiva.

Nel complesso, la campagna «Ambienti di lavoro sani e sicuri 2023-2025» dell’EU-OSHA rappresenta un’opportunità per collocare la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro nel più ampio dibattito politico relativo alla digitalizzazione. In quanto tale, si rivolgerà anche ai decisori politici che sono responsabili della legislazione, delle strategie e delle azioni. L’obiettivo sarà quello di incoraggiare il dibattito sull’introduzione di norme, orientamenti, campagne di sensibilizzazione, sovvenzioni e finanziamenti pertinenti, nonché lo sviluppo di nuovi servizi e prodotti.

Tutto il materiale prodotto (approfondimenti, aree prioritarie e dettagli riguardanti la nuova edizione dei Premi per le buone pratiche della campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri,…) può essere consultato sul sito web della campagna. Inoltre, viene messo a disposizione un kit per i social media contenente messaggi e immagini pronti all’uso, in modo da far circolare facilmente il messaggio.

Articoli correlati

Aprile
15

Phos Italiana 1924: una tragedia del lavoro e dello sfruttamento minorile troppo a lungo dimenticata

A cent’anni dall’evento della Phos, si pubblica la storia della tragica vicenda.
Lidia Fubini
Marzo
14

La levatrice

Questo il titolo della nuova storia di infortunio sul lavoro aggiunta al repertorio.
Lidia Fubini
Febbraio
19

Pronti, a posto, via

Pubblicata la centoduesima storia di infortunio aggiunta al repertorio.
Luisella Gilardi

Iscriviti gratuitamente
alla nostra newsletter

O seguici sui nostri canali