Vai al contenuto

Dors

Il primo soccorso per la salute mentale come strumento per il miglioramento della salute mentale e del benessere

La prevalenza dei problemi di salute mentale nella popolazione è elevata e ha un effetto deleterio e ad ampio raggio su molti settori della società. Oltre all’impatto sugli individui e sulle famiglie, incidono negativamente anche i problemi di salute mentale sulla produttività nel luogo di lavoro.

Uno dei fattori che possono esacerbare l’impatto dei problemi di salute mentale è la mancanza di “alfabetizzazione sulla salute mentale” nel mondo fra la popolazione generale. Questa è stata definita come “conoscenza e credenze sui disturbi mentali, che aiutano il loro riconoscimento, gestione o prevenzione».

Mental Health First Aid (MHFA) è un breve programma di formazione sviluppato in Australia nel 2000; il suo scopo è migliorare l’alfabetizzazione in materia di salute mentale e insegnare strategie di primo soccorso per la salute mentale. Il corso è stato adattato a vari contesti, ma copre essenzialmente i sintomi di vari disturbi di salute mentale, insieme alle situazioni di crisi di salute mentale associate. I programmi insegnano inoltre ai tirocinanti come fornire aiuto immediato alle persone con problemi di salute mentale e come segnale per i servizi professionali. Si teorizza che una migliore conoscenza incoraggerà i tirocinanti a fornire supporto e a incoraggiare le persone a cercare attivamente aiuto, portando così a miglioramenti nella salute mentale. La revisione si concentra sugli effetti di MHFA sulla salute mentale e il benessere mentale degli individui e delle comunità in cui è stata fornita la formazione MHFA. Viene esaminato anche l’impatto sull’alfabetizzazione in materia di salute mentale

Gli obiettivi principali erano: Esaminare la salute e il benessere mentale, l’utilizzo dei servizi di salute mentale e gli effetti avversi della formazione MHFA sugli individui nelle comunità in cui viene erogata la formazione MHFA. Gli obiettivi secondari includevano l’esame di ulteriori effetti sugli individui (conoscenze e atteggiamenti), effetti sui tirocinanti stessi (conoscenze e atteggiamenti, contatto con persone con problemi di salute mentale, proprio benessere psicologico) ed effetti organizzativi (assenteismo e produttività).

Sono stati inclusi 21 studi nella revisione. Gli studi sono stati condotti in un’ampia varietà di contesti; c’è stata anche una variazione sostanziale nella natura dell’intervento MHFA.differenze.

Non si possono trarre conclusioni sugli effetti della formazione MHFA sui risultati primari a causa della mancanza di prove di buona qualità e spesso non sono sufficientemente ampi per poter rilevare le differenze. Per i risultati secondari sono state trovate alcune prove di potenziale beneficio per i tirocinanti MHFA sulla conoscenza della salute mentale e la riduzione dello stigma.

Si raccomanda che gli studi futuri reclutino un numero sufficiente di partecipanti per essere in grado di dimostrare con certezza se la formazione MHFA è un intervento efficace.

Richardson R, Dale HE, Robertson L, Meader N, Wellby G, McMillan D, Churchill R. Mental Health First Aid as a tool for improving mental health and well-being. Cochrane Database of Systematic Reviews 2023, Issue 8. Art. No.: CD013127. DOI: 10.1002/14651858.CD013127.pub2. Accessed 04 October 2023.

Articoli correlati

Aprile
17

Il quadro “preoccupante” della salute mentale a livello mondiale. Il Report del Global Mind Project

Il Global Mind Project è un database mondiale sulla salute mentale, che ha tra i suoi Obiettivi la mappatura di profili psicologici correlati a stili/situazioni di vita e la diffusione
Rita Longo
Marzo
27

Giornata mondiale dell’attività fisica. I materiali per l’edizione 2024

Per celebrare l’edizione di quest’anno, Dors mette a disposizione un poster e un decalogo per realizzare iniziative di sensibilizzazione in collaborazione con Comuni e Associazioni sul tema delle comunità attive.
Alessandra Suglia, Luisa Dettoni
Febbraio
20

Bambini e adolescenti: come promuovere e sostenere il loro benessere e la loro salute mentale?

La Commissione Europea, in collaborazione con NESET (Network of Experts on the Social Dimension of Education and Training) ha creato una serie di schede informative dedicate alla promozione della salute
Marina Penasso

Iscriviti gratuitamente
alla nostra newsletter

O seguici sui nostri canali