Vai al contenuto

Dors

Violenza di genere: si può prevenire già a partire dai tre anni!

Contesto

La violenza di genere è un grave problema di salute pubblica che colpisce milioni di individui in tutto il mondo. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riferito che il 30% delle donne tra i 15 e i 19 anni nel 2021 ha subito violenza di genere nell’ambito delle proprie relazioni affettive e sessuali. Inoltre, secondo the European Union Agency for Fundamental Rights, una donna europea su dieci è stata vittima di violenza sessuale, sia prima, sia dopo i 15 anni, e questo succede ovunque, comprese le scuole. Comprende atti o minacce di violenza sessuale, fisica o psicologica che si verificano all’interno e intorno alle scuole, perpetrati a causa di norme e stereotipi di genere e imposti da dinamiche di potere ineguali. Tuttavia, nel contesto scolastico, la violenza di genere viene segnalata solo occasionalmente ed è poco identificata come un grave problema durante l’infanzia. Pertanto, la mancanza di consapevolezza sulla violenza di genere nell’infanzia e nei primissimi anni di vita può ostacolare le opportunità per la sua prevenzione e per un intervento efficace. Le scuole sono ambienti ideali per promuovere la prevenzione degli abusi e della violenza di genere, fornendo conoscenze ai bambini per riconoscere e ridurre i comportamenti a rischio. È importante identificare strategie efficaci per prevenire la violenza di genere nei primi anni scolastici. Lo scopo della ricerca è condurre una revisione sistematica degli interventi nell’infanzia per prevenire la violenza di genere, in particolare dai 3 ai 12 anni inclusi, per garantire un’istruzione di qualità a tutti i bambini e le bambine attraverso scuole senza violenza.

 

 

Criteri di ricerca

Quesiti di ricerca

In primo luogo, sono state formulate le domande di ricerca relative all’obiettivo di identificare interventi e programmi di successo nella prevenzione e nel superamento della violenza di genere fin dai primi anni: Quali programmi e interventi sono stati implementati negli ambienti scolastici per prevenire e ridurre la violenza di genere? Hanno avuto successo? Quali effetti hanno ottenuto? Quali sono le loro caratteristiche principali? In secondo luogo, è stata stabilita la strategia di ricerca. La ricerca bibliografica è stata condotta tra marzo e dicembre 2022.

Criteri di inclusione

L’intervento si è concentrato sulla prevenzione o sulla riduzione dei comportamenti violenti basati sul genere e con valutazione di impatto/esito. Sono stati selezionati 70 articoli. Dei 40 studi selezionati inizialmente, 13 sono stati considerati appropriati per lo studio.

 

 

Caratteristiche e obiettivi degli interventi

Otto interventi sono stati focalizzati sugli studenti, considerando il genere (uno solo per le ragazze, uno solo per i ragazzi, sei per entrambi i sessi), mentre quattro interventi hanno incluso altri agenti come il target. Dieci interventi mirano a rafforzare i fattori protettivi contro la violenza di genere, come l’empowerment e l’educazione sessuale. Tre interventi si concentrano sulla riduzione del comportamento violento. Tra gli interventi volti a promuovere i fattori protettivi, il programma valutato da Edwards et al. si concentra sull’emancipazione delle ragazze in aree come le abilità verbali, la resistenza fisica e le strategie di rischio estremo. Kågesten et al. mirano a rafforzare la riflessione critica e le capacità di risoluzione dei problemi delle ragazze e ad aumentare la loro autostima e fiducia. L’attenzione su Banyard et al. si focalizza sull’aumento delle espressioni positive della mascolinità, al fine di lavorare sui loro fattori protettivi come strategie di prevenzione primaria. Inoltre, l’intervento può servire come prevenzione secondaria per promuovere un coping positivo e ridurre i fattori di rischio tra gli studenti che sono già a rischio, cioè quegli studenti che hanno sperimentato l’esposizione alla vittimizzazione. Il protocollo di Sarnquist et al. per le ragazze era incentrato sull’empowerment, sullo sviluppo delle abilità verbali e sull’autodifesa fisica. La formazione dei ragazzi si è concentrata sulla promozione dell’uguaglianza di genere, sullo sviluppo di una mascolinità positiva e sull’insegnamento di tecniche di intervento sicure ed efficaci. Inoltre, l’obiettivo principale del programma pubblicato da Garzón e Carcedo era migliorare gli atteggiamenti verso l’uguaglianza di genere, diminuire l’accettazione degli atteggiamenti verso la violenza del partner e sviluppare competenze socio-emotive come mezzo per prevenire la violenza del partner basata sul genere. Il programma è suddiviso in tre unità didattiche: costruzione di genere, violenza di genere da parte del partner e competenze socio-emotive. Lo studio di McLaughlin et al. era incentrato sull’educazione sessuale, l’HIV e l’AIDS attraverso le pratiche pedagogiche. L’intervento effettuato in Ollis et al. mirava a sviluppare una consapevolezza delle norme di genere positive e negative, riflettere sulla propria identità e sviluppare una comprensione della violenza di genere come i comportamenti ingiusti/offensivi basati su norme di genere negative, e identificare e praticare comportamenti rispettosi del genere. Lo studio condotto da Doni proponeva di indagare i preconcetti di genere dei bambini in età prescolare riguardo alle professioni e di stabilire di rivedere questi preconcetti dopo la loro esposizione per contrastare gli stereotipi. Lungo questa linea, Chung e Huang miravano a determinare se l’esposizione a informazioni contro gli stereotipi potesse rompere gli stereotipi di genere nei bambini dell’asilo. Dagadu et al. ha proposto un programma basato sulla comunità per promuovere atteggiamenti e comportamenti equi di genere tra bambini, adolescenti e comunità per ridurre la violenza di genere e migliorare la salute riproduttiva (SRH). Questo intervento si basava principalmente sulla premessa che le identità di genere stabilite all’inizio della vita modellano il percorso futuro di ragazzi e ragazze e che il riconoscimento delle norme di genere influenza i comportamenti relativi alla salute, specialmente durante l’adolescenza, quando le norme e le identità di genere iniziano a convergere. Tre interventi si concentrano sulla riduzione del comportamento violento, tra cui The Good School Toolkit] che mira a ridurre la violenza emotiva, la violenza fisica grave, la violenza sessuale e le lesioni. Allo stesso modo, The Sexual Assault Primary Prevention Model with Diverse Urban Youth è stato creato per prevenire gli abusi sessuali, riducendo la tolleranza alla violenza sessuale e alle molestie sessuali..

 

 

Strategie di intervento

A parte l’intervento di Doni, che consiste in un’attività specifica in due sessioni, il resto dei programmi è integrato nel curriculum scolastico. Molti dei programmi si basano sull’apprendimento attivo, utilizzando tecniche come la narrazione], giochi di ruolo, drammi radiofonici e schede di attività per ogni fase della vita, tenendo un diario e attingendo all’esperienza della comunità. La maggior parte dei programmi utilizza il dialogo come strumento di apprendimento e riflessione per promuovere la partecipazione e la co-creazione. Il programma di Devries et al. include attività come dialoghi, assemblee scolastiche, cassette dei suggerimenti, formulazione collettiva di politiche scolastiche,  tribunali studenteschi, ecc., Banyard et al. impiegano il dialogo peer-to-peer, mentre Smothers e Smothers [32] combinano istruzione didattica e discussione. Chung e Huang [25] promuovono la discussione tra gli studenti su diverse immagini. Inoltre, l’intervento di Doni consisteva nel coinvolgere i partecipanti in domande sull’idoneità di genere di ciascuna professione prima e dopo la visione di un documentario. Alcuni degli interventi hanno richiesto risorse e attrezzature specifiche come videocamere per registrare la partecipazione degli studenti durante le lezioni, poster per aumentare la consapevolezza, racconti illustrati, drammi radiofonici e guide e schede di attività, interviste videoregistrate e risorse multimediali.

 

Risultati

Gli effetti degli interventi sono stati analizzati in tre categorie: conoscenza e consapevolezza, empowerment, relazioni e comportamento violento. Conoscenza e Consapevolezza. I due studi sull’educazione della prima infanzia si concentrano sugli interventi sugli stereotipi di genere. Chung e Huang hanno concluso attraverso uno studio sperimentale che l’intervento cognitivo, come un curriculum sull’uguaglianza di genere, rompe gli stereotipi di genere nei bambini dell’asilo come valutato dal Picture Classification Task. Doni ha esposto i bambini dell’asilo a contro-stereotipi professionali. Prima dell’intervento, i bambini sono stati interrogati sull’idoneità di genere di alcune professioni: operaio edile, maestra d’asilo, agente di polizia, pilota, camionista, astronauta, arbitro di calcio e capitano di mare. Successivamente, ai bambini sono stati mostrati frammenti di un video di interviste a donne della vita reale in professioni di genere non tradizionali situate in ambienti di lavoro contro gli stereotipi e che parlavano delle loro professioni. L’attività ha generato cambiamenti statisticamente significativi nelle percezioni dei bambini per metà delle professioni. Le professioni dell’operaio edile, del camionista, dell’arbitro di calcio, del capitano di mare, del pilota e dell’astronauta rappresentano campi professionali che erano per lo più associati a individui di sesso maschile sia nei risultati pre-video che post-video. Dopo l’implementazione del programma da parte di Ollis et alnei primi anni della scuola primaria, i ragazzi e le ragazze erano significativamente meno propensi a considerare occupazioni e attività stereotipicamente maschili e femminili. Edwards et al. ha misurato l’efficacia di un intervento di autodifesa di violenza sessuale di sei sessioni in classe con ragazze indiane americane nelle classi 6-12 anni. I risultati hanno mostrato che le ragazze nel gruppo di intervento sono aumentate significativamente in tutti i domini della conoscenza dell’autodifesa. Il programma per la violenza di genere da parte del partner nelle scuole primarie in Colombia condotto da Garzón e Carcedo si è rivelato efficace in queste variabili: stereotipi di genere maschile e femminile, stereotipi di genere nelle relazioni sentimentali, convinzioni normative riguardo a forte aggressività, debole aggressività, aggressione contro donne e uomini tra di loro, empatia affettiva e atteggiamenti nei confronti dell’aggressività nelle relazioni sentimentali. Il modello socioecologico di prevenzione dell’abuso sessuale di Smothers and Smothers è stato efficace nell’aumentare la conoscenza dei partecipanti sull’abuso sessuale, la consapevolezza delle risorse scolastiche e di supporto della comunità in caso di violenza sessuale e l’identificazione delle caratteristiche di relazioni sane e malsane. L’intervento di Kågesten et al.] ha permesso alle ragazze di riconoscere la violenza sessuale. Inoltre, i ragazzi hanno rafforzato valori di vita positivi e atteggiamenti di parità di genere. Per quanto riguarda il programma GREAT, sono stati rilevati diversi miglioramenti nelle conoscenze e negli atteggiamenti relativi alla disuguaglianza di genere. Inoltre, è importante sottolineare che i risultati della valutazione condotta con una coorte longitudinale di ragazzi e ragazze di 10-14 anni mostrano che alcuni degli effetti iniziali dell’intervento sono stati mantenuti tre anni dopo e anche che sono stati riscontrati nuovi esiti positivi. Il programma analizzato da Edwards et al. insegna alle ragazze le abilità da utilizzare in una potenziale situazione di violenza sessuale e consente alle ragazze di credere che valga la pena difendersi. L’empowerment può riflettersi nel coraggio di osare denunciare le aggressioni. Così, nello studio di Devries et al, il numero di casi di violenza sessuale tra pari nell’ultima settimana e nell’ultimo semestre è stato basso. Con la strategia portata avanti da Kågesten et al., le ragazze hanno riferito di aver aumentato la fiducia in sé stesse. Nell’intervento di McLaughlin et al. i bambini si sentono ascoltati, il che accresce la loro fiducia nell’esprimere le loro preoccupazioni ed esperienze, così come le proprie capacità di leadership.

Nello studio di Edwards et al. i risultati hanno mostrato che l’intervento di autodifesa ha aumentato significativamente l’efficacia delle ragazze partecipanti nel resistere a un’aggressione sessuale. Nel gruppo quasi sperimentale, l’incidenza delle aggressioni sessuali è diminuita dell’80% e l’incidenza delle molestie sessuali è diminuita del 26%. Secondo la valutazione dell’intervento messo in atto con The Good School Toolkit, è stata registrata una diminuzione della violenza fisica e delle lesioni gravi da parte del personale scolastico, della violenza emotiva da parte del personale scolastico, della violenza emotiva da parte dei pari e della violenza fisica da parte dei pari. Nello studio di Kågesten et al., le ragazze hanno migliorato la loro capacità di resistere alle aggressioni sessuali attraverso strategie di autoprotezione verbale e fisica. I ragazzi hanno aumentato la loro capacità di evitare comportamenti rischiosi e gruppi di pari “cattivi” e di comprendere e rispettare il consenso. Nello studio di Sarnquist et al., l’incidenza di violenza sessuale auto-denunciata tra le ragazze è diminuita e i ragazzi hanno riportato tassi significativamente più alti di intervento degli astanti per prevenire la violenza sessuale. L’intervento di Taylor e Mumford è stato associato a riduzioni significative della frequenza di perpetrazione e vittimizzazione di molestie sessuali, della prevalenza e della frequenza della vittimizzazione della violenza sessuale negli appuntamenti e della frequenza della vittimizzazione e perpetrazione totale della violenza negli appuntamenti. Nello studio di McLaughlin et al., gli adulti, come gli stessi insegnanti, superano i miti e le percezioni dei bambini come innocenti, passivi e irresponsabili. Attraverso il dialogo, diversi atteggiamenti e convinzioni vengono espressi in un’atmosfera di rispetto, in cui i partecipanti si ascoltano a vicenda e apprezzano gli altri punti di vista. Inoltre, dopo l’intervento, la metodologia di insegnamento è passata dall’essere principalmente incentrata sull’insegnante alla promozione della partecipazione degli studenti. Anche i risultati del programma GREAT sono stati promettenti; è stato osservato un significativo miglioramento dei comportamenti legati alla disuguaglianza di genere. Nello specifico, sette delle nove misurazioni hanno mostrato cambiamenti significativi verso una maggiore equità di genere. Ad esempio, è stato osservato un aumento significativo del numero di fratelli che aiutano le loro sorelle nelle faccende domestiche e del numero di fratelli che parlano ai genitori dell’istruzione delle loro sorelle.

 

 

Fattori di successo

Dopo aver analizzato le principali caratteristiche degli interventi, nonché i loro effetti, sono stati individuati diversi fattori di successo. Questi fattori sono ricorrenti in diversi interventi con un impatto positivo nel migliorare l’identificazione, la prevenzione o la riduzione della violenza di genere nel contesto scolastico.

L’intervento è integrato nel curriculum scolastico – Uno dei fattori ricorrenti individuati nei programmi analizzati è quello di integrare l’intervento nel curriculum scolastico in modo che sia parte delle attività accademiche degli studenti più che un’attività una tantum o sporadica. Pertanto, gli interventi curriculari si trovano in 12 delle 13 proposte.

Come per il rendimento scolastico, l’apprendimento attivo è un fattore chiave per il successo dei programmi analizzati.

Partecipazione degli studenti, dialogo e co-creazione. Un altro aspetto che si riscontra frequentemente negli interventi è quello di considerare gli studenti stessi nella progettazione di attività e piani per la prevenzione e la riduzione della violenza di genere.

Ambiente scolastico sicuro. Per incoraggiare la partecipazione e il dialogo su questi temi, è importante che la scuola sia un ambiente sicuro in cui si sviluppano relazioni sociali di sostegno. Un ambiente scolastico sicuro può neutralizzare qualsiasi vergogna di discutere di argomenti delicati.

I programmi inclusi in questa revisione sistematica sono stati sviluppati secondo modelli teorici su come prevenire la violenza di genere e, inoltre, secondo strategie che hanno già dimostrato la loro efficacia in passato.

Coinvolgimento di agenti comunitari rilevanti – Agenti importanti per lo sviluppo dei bambini, come la famiglia, i genitori e i tutori; la comunità; esperti; vittime di violenza di genere; operatori sanitari, sono stati presi in considerazione in diversi interventi, oltre a insegnanti, presidi e dirigenti scolastici e persino politici.

Adattare l’intervento al target specifico e al contesto scolastico. Diversi interventi affermano esplicitamente di aver adattato il contenuto, l’approccio o la metodologia dell’intervento in base allo specifico target o contesto.

 

 

Conclusioni

Gli interventi individuati in questa revisione si sono dimostrati efficaci nel superare gli stereotipi di genere. La ricerca ha mostrato come gli stereotipi ostacolino l’uguaglianza di genere e possano incoraggiare comportamenti violenti. Pertanto, la sensibilizzazione contro gli stereotipi di genere è un passo avanti nella prevenzione della violenza di genere. Il superamento degli stereotipi è legato all’aumento della conoscenza dell’argomento e alla sensibilizzazione degli studenti. La ricerca ha identificato la vulnerabilità alla violenza nelle persone con bassa autostima e insicurezza. Di conseguenza, l’empowerment dovrebbe essere un obiettivo importante dei programmi di prevenzione della violenza. Inoltre, molti dei programmi studiati per prevenire la violenza di genere hanno un effetto sul miglioramento delle relazioni e del clima scolastico. Un ambiente scolastico sicuro supporta uno sviluppo ottimale e un apprendimento efficace. La ricerca ha dimostrato l’importanza di ascoltare le voci degli studenti per creare contesti egualitari e sicuri. È essenziale basare i programmi su prove scientifiche, ovvero su altri interventi che si siano dimostrati efficaci nella prevenzione della violenza di genere. L’istruzione basata sull’evidenza consente un’istruzione di qualità per tutti gli studenti. Ovviamente, gli interventi efficaci devono essere trasferiti e adattati al contesto specifico e alla popolazione target.

La ricerca fa parte del Progetto “CHILDPRO. Non è mai troppo presto per prevenire la violenza di genere: identificazione e superamento dei comportamenti a rischio nell’infanzia”, finanziato dal Ministero della Scienza e dell’Innovazione spagnolo.

 

Articoli correlati

Febbraio
21

Le ragazze stanno bene? La violenza di genere in adolescenza

In occasione dell’8 Marzo, DoRS ha sintetizzato il report “Le ragazze stanno bene?”
Marina Penasso
Gennaio
24

Adolescenti e violenza di genere: una survey

La Fondazione Libellula ha recentemente pubblicato l’eBook con i risultati della Survey Teen Community sulla consapevolezza e l’esperienza della violenza di genere tra gli/le adolescenti dai 14 ai 19 anni.
Marina Penasso
Dicembre
21

Anche i minori e le minori sono vittime della violenza di genere

A fare le spese delle violenze di genere sono in molti casi anche bambini e ragazzi che vivono nel nucleo familiare.

Le violenze verbali e quelle fisiche generano nei figli inquietudine,

Marina Penasso

Iscriviti gratuitamente
alla nostra newsletter

O seguici sui nostri canali