CARE - Catalogo di Azioni ben descritte Rivolte all'Equità
Descrizione: Scheda non ancora valutata  



Schutzengel (Angelo Custode) - Sostegno alle giovani famiglie in difficoltà
Titolo originale: Schutzengel (Guardian Angel) - Support for Young Families in Difficulty
Anno di avvio: 2000
Fonte:Best Practice Portal
Luogo dove è implementata la pratica: Germania
Area tematica:Approccio integrato di promozione della salute a livello locale o nazionale
Sviluppo precoce del bambino
Altri temi: contrasto delle disuguaglianze di slaute
Target:Bambini (di età 0-18 anni)
Donne
Altri target: Famiglie svantaggiate
Descrizione dell'intervento: Schutzengel lavora con le famiglie per sostenere i genitori e i bambini nella vita quotidiana e nelle situazioni di crisi. I fornitori di servizi, i volontari e gli altri genitori che offrono il loro aiuto intendono affiancare i genitori nell'affrontare le difficoltà in modo sostenibile.
Grazie al lavoro di rete del progetto con le istituzioni governative e non governative, le famiglie che hanno bisogno di sostegno possono essere indirizzate in modo rapido ed efficiente ai servizi appropriati. Le principali attività svolte sono di seguito riportate:
1) Collegamenti con i servizi di ostetricia locali.
L'ostetrica di famiglia collabora con un ospedale locale per sostenere le giovani donne/famiglie durante la gravidanza e dopo il parto. Questo sostegno si estende oltre il consueto limite delle cure post-parto finanziate dall'assicurazione di routine. L'ostetrica svolge anche un'assistenza preventiva precoce e aiuta le donne/famiglie spesso stressate e sopraffatte da preoccupazioni e problemi di salute, a cui si aggiunge un neonato.
2) Caffè/ punti di incontro per i genitori.
In questi contesti è offerta ai genitori l'opportunità di incontrarsi, di discutere le loro esperienze con i coetanei e di condividere strategie di gestione, avvalendosi anche della consulenza di apposito personale sanitario.
3) "Angelo custode" della famiglia.
Un "compagno di famiglia" che sostiene le giovani famiglie in collaborazione con la parrocchia soprattutto per fare fronte alle esigenze della vita quotidiana. Laddove opportuno, ai genitori viene offerto l'accesso a corsi per aiutarli a gestire lo stress e l'ansia e sviluppare una maggiore resilienza.
Descrizione su come è affrontata la dimensione dell'equità: Le situazioni di svantaggio legate alla condizione di deprivazione sociale possono avere un grande impatto sui bambini non ancora nati o molto piccoli, perpetuando lo svantaggio. Questo progetto mira quindi a fornire ai genitori in difficoltà un'assistenza accessibile e a fornire loro il sostegno, le conoscenze e i servizi di cui hanno bisogno per crescere bambini sani e sicuri, per spezzare la catena di svantaggio che può mantenere ed esacerbare le disuguaglianze sanitarie.
Approccio per ridurre le disuguaglianze:Area deprivata
Gruppo vulnerabile
Aspetti da considerare per la trasferibilitè: Con un finanziamento sufficiente questo progetto è trasferibile in contesti simili in altre regioni/paesi perché ha una solida base teorica e ha dimostrato di essere efficace attraverso una valutazione qualitativa. Per migliorare la sostenibilità, si dovrebbe investire tempo sufficiente nella formulazione degli obiettivi del progetto nella fase di progettazione, comprese le considerazioni per la continuazione del lavoro.
Valutazione di processo: SI
Valutazione di risultato: NO
Descrizione dei risultati della valutazione: L'implementazione e l'efficacia del progetto sono state oggetto di una valutazione formale secondo una metodologia qualitativa. A questo scopo, sono state effettuate interviste aperte strutturate con gli utenti del servizio e con il personale (inclusi i dipendenti volontari e retribuiti). L'approccio incentrato sulla persona è stato apprezzato dagli utenti del servizio. Un aspetto particolarmente positivo della valutazione è stato il coinvolgimento di tutti i principali gruppi di interesse. L'analisi comparativa dei risultati ha mostrato un ampio consenso delle varie prospettive (utenti del servizio, personale, ecc.).
I risultati della valutazione potrebbero fornire una forte evidenza che il progetto Schutzengel è accessibile al gruppo target e che la prevenzione, la promozione della salute e la cooperazione innovativa funzionano efficacemente.
Descrizione della documentazione disponibile: Support for young families in difficulties (scheda pdf)

Sito web del progetto
Link (informazione online o pubblicazione scientifica): https://webgate.ec.europa.eu/dyna/bp-portal/getfile.cfm?fileid=86
http://www.schutzengel-flensburg.de/
Lingua del materiale di dettaglio: Inglese/tedesco
Riferimenti: info@schutzengel-flensburg.de
Obiettivi PNP

1.3 Promuovere la salute nei primi 1000 giorni


1.4 Promuovere interventi volti a favorire l'allattamento al seno


1.5 Individuare precocemente i segni indicativi di un disturbo dello sviluppo del bambino da 0 a 36 mesi


Parole chiave: prima infanzia, sviluppo sano, early childhood development, comunità, benessere dei genitori
Stampa scheda
 




Dors Regione Piemonte - Centro di Documentazione per la Promozione della Salute