Video

 

2a Conferenza nazionale per la salute mentale: "Per una salute mentale di comunità"

La 2a Conferenza Nazionale per la Salute Mentale “Per una Salute Mentale di Comunità”, promossa dal Ministero della Salute il 25 e 26 giugno aveva i seguenti obiettivi:



  • riaffermare il principio, come sostenuto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che non c’è salute senza salute mentale, e che essa è condizione per lo sviluppo economico e sociale delle comunità;



  • ribadire la responsabilità pubblica delle politiche per la Salute Mentale, per garantire in modo uniforme sul territorio nazionale il diritto alla cura e all'inclusione sociale;



  • analizzare in maniera partecipata e trasparente il funzionamento dei servizi per la salute mentale, i modelli organizzativi, le risorse umane ed economiche impiegate, la qualità delle risposte ai bisogni di salute della popolazione e le pratiche per il rispetto dei diritti di cittadinanza;



  • ripensare le politiche future, anche alla luce delle vulnerabilità emerse nel corso della pandemia, valorizzando le buone pratiche e assumendo come cornice di riferimento la salute mentale di comunità. 


La realizzazione della Conferenza è avvenuta a conclusione di un percorso di approfondimento sviluppato da oltre un anno attraverso i lavori del Tavolo Tecnico per la Salute Mentale, istituito presso il Ministero della Salute, e alcuni seminari tematici.


La pagina del Ministero permette l’accesso ai video contenenti le registrazioni delle diverse sessioni delle due giornate di studio.


 


Il ruolo dell'Università nel contrasto alla violenza di genere




Conferenza nazionale "Il ruolo dell'Università nel contrasto alla violenza di genere. Per la costituzione della rete accademica UN.I.RE. a dieci anni dalla firma della convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica".

 

 

Promotore: Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio nonché su ogni forma di violenza di genere, in collaborazione con la Rete UN.I.RE. La conferenza è stata aperta da un videomessaggio del Presidente del Senato. Sono poi intervenuti: - la Presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio, senatrice Valeria Valente; Nel corso del primo panel (Parità, Formazione, Giustizia, Sicurezza: il ruolo delle istituzioni) sono intervenute le Ministre: - per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti; - dell'Interno, Luciana Lamorgese; - dell'Università e della Ricerca, Cristina Messa; - della Giustizia, Marta Cartabia (videomessaggio). Nel secondo panel (La Convenzione di Istanbul e il Consiglio d'Europa) sono intervenuti: - la Vice Presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio, senatrice Maria Rizzotti; - la Segretaria Generale del Consiglio d'Europa Marija Pejčinović Burić; - Michele Nicoletti, Ordinario di Filosofia politica, Università di Trento, già Presidente dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa; - la Seconda Vice Presidente del GREVIO Simona Lanzoni; - Linda Laura Sabbadini, Chair W20. Nel terzo panel (Il progetto nazionale UN.I.RE.: attività svolte e proposte per il futuro. Per la costituzione dell'Academic Network UN.I.RE.) sono intervenuti, tra gli altri: - la Vice Presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio, senatrice Cinzia Leone; - la Responsabile di UN.I.RE Marina Calloni; - la senatrice Valeria Fedeli.







 

 


 


 


Che ci faccio qui: "Siamo tutti matti"

Dove sono finiti i pazienti usciti dagli ospedali psichiatrici dopo la legge Basaglia del '78? Chi li cura oggi? Chi li accoglie? "Siamo tutti matti" è un viaggio spiazzante nella disabilità mentale, a più di quarant'anni dall'abolizione dei manicomi nel nostro Paese. Domenico Iannacone, con una puntata speciale di "Che ci faccio qui", ci porta in un luogo straordinario: Il Teatro Patologico di Roma fondato da Dario D'Ambrosi. Dal 1992, attraverso la recitazione le persone affette da disagio mentale trovano il modo di comunicare e di uscire dall'isolamento. Una Compagnia teatrale unica al mondo, impegnata oggi nella messa in scena de Il Cappotto di Gogol. D'Ambrosi, attore e regista, uno dei maggiori artisti d'avanguardia italiani, da giovanissimo si è fatto rinchiudere per tre mesi in un manicomio per capire cosa fosse la malattia mentale. Di quell'esperienza Dario ne fa ancora oggi uno scopo di vita. Siamo tutti matti ci porta tra le vite di Paolo, Cristiana, Marina, Antonella, gli attori affetti da disagio mentale che animano questo luogo straordinario e ci spingono a riflettere su quanto sia labile il confine tra normalità e follia. (Fonte Raiplay)


Salute mentale ed emergenza sanitaria da COVID-19: bisogni ed opportunità

Settimo webinar della prima tranche (febbraio – aprile) organizzato da Promis (Programma Mattone Internazionale Salute) dal titolo “Salute mentale ed emergenza sanitaria da COVID-19: bisogni ed opportunità emersi nella seconda fase della pandemia” tenutosi il 9 aprile. Il webinar si propone come una seconda edizione dell’evento online - svolto lo scorso 7 luglio - dal titolo “Emergenza Covid: fasi II e III. La salute psico-sociale nelle organizzazioni socio-sanitarie”. L’obiettivo è condividere con i partecipanti la risposta europea offerta da reti ed organizzazioni sanitarie pubbliche nell’ambito della salute mentale, nonché le nuove iniziative e progettualità emerse alla luce delle misure intraprese nella seconda fase della pandemia.


La violenza di genere durante il “lockdown”: il ruolo dei Centri Antiviolenza.

Primo incontro dei "Seminari Donne e Diritti: Prospettive tra Ricerca e Territorio" (III Edizione). L'incontro con l'avvocata Samuela Frigeri, Presidente del Centro Antiviolenza di Parma inaugura la terza edizione dei Seminari" organizzati e coordinati da Fausto Pagnotta all'interno dell'insegnamento in Sociologia delle disuguaglianze di genere tenuto dal docente  nell’ambito del Corso di Laurea Triennale in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali del Dipartimento di Giurisprudenza, Studî Politici e Internazionali dell’Università di Parma.


Oltre gli stereotipi: giovani sguardi sulla violenza di genere

 Il Centro Antiviolenza del Comune di Venezia si presenta nel cortometraggio "Oltre gli stereotipi: giovani sguardi sulla violenza di genere" realizzato con il coinvolgimento di ragazze e ragazzi, per comunicare un messaggio comune: la violenza di genere si può contrastare anche a distanza e ognuno di noi può avere un ruolo. Il cortometraggio è diretto da Rachele Casato e realizzato in collaborazione con La Esse.