Report e manuali

 

Selezione :
» Tema : Salute mentale

Rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità su Salute mentale e COVID-19

Le raccomandazioni del Technical Advisory Group (‎TAG)‎ sugli impatti sulla salute mentale di COVID-19 nella regione europea dell'OMS rappresentano il lavoro del TAG tra febbraio e giugno 2021. Nella sua seconda riunione del 23 marzo 2021, il TAG ha concordato di inquadrare le raccomandazioni in tre aree chiave di impatto: popolazione generale e comunità; gruppi vulnerabili; servizi pubblici di salute mentale. Le bozze di raccomandazioni per ciascuna area tematica sono state oggetto di due cicli di discussione durante il terzo e il quarto incontro del TAG, tenuti rispettivamente il 23 aprile e il 28 maggio 2021. Le raccomandazioni sono approvate dal TAG in quanto rappresentano le migliori prove disponibili con la consulenza di esperti sugli impatti sulla salute mentale di COVID-19 e le relative opportunità di azione.


Ecco, in sintesi, le raccomandazioni:


1. I Paesi dovrebbero promuovere e consentire l'accesso a beni culturali adattati, promuovere interventi basati sull'evidenza per la salute mentale e il supporto psicosociale attraverso il digitale e altri mezzi, inclusi interventi per aumentare la resilienza e aiutare le persone a far fronte a stress e solitudine.


2. I Paesi dovrebbero promuovere e incorporare il supporto psicologico attraverso iniziative sul posto di lavoro e fornire supporto occupazionale e/o finanziario a coloro a cui è impedito di lavorare o che sono in procinto di tornare al lavoro.


3. I Paesi dovrebbero affrontare i determinanti sociali della salute mentale, tra cui povertà, disoccupazione e disuguaglianze socioeconomiche, attraverso azioni mirate a fornire sostegno finanziario alle famiglie in condizioni di impoverimento o a rischio di impoverimento a causa di perdita di reddito o disoccupazione, comprese le indennità di assenza per malattia di coloro che temporaneamente sono impossibilitati a lavorare.


4. I Paesi dovrebbero monitorare i cambiamenti nella salute mentale a livello di popolazione attraverso misure e strumenti validi, standardizzati e comparabili.


5. I Paesi dovrebbero promuovere, comunicare e aumentare l'accesso all’apprendimento socioemotivo, fornire supporto educativo per la perdita di apprendimento e sostegno psicosociale nelle scuole e nelle università e fornire maggiore sostegno comunitario per adolescenti e giovani adulti.


6. I Paesi dovrebbero promuovere e consentire l'accesso alla salute mentale e al supporto psicosociale per le persone direttamente colpite dalla malattia COVID-19.


7. I Paesi dovrebbero sviluppare, comunicare e mettere in atto la preparazione all’emergenza per le persone con disabilità e nell'assistenza a lungo termine, e garantire accesso continuo e assistenza facilitata a cure e supporto di qualità.


8. I Paesi dovrebbero rafforzare e sviluppare la salute mentale e i servizi di supporto psicosociale come parte integrante della preparazione e della risposta al COVID-19 e ad altre emergenze di salute pubblica.


9. I Paesi dovrebbero garantire che i servizi di salute mentale siano legalmente salvaguardati dal punto di vista operativo e finanziario e supervisionati per la fornitura su larga scala di personale in servizi centrati e basati sulla comunità che includano modalità di cura innovative.


10. I Paesi dovrebbero garantire condizioni di lavoro sicure, eque e di supporto per gli operatori sanitari e di assistenza in prima linea, compresa la fornitura di adeguate protezioni, attrezzature, retribuzione e condizioni riviste e accesso alla formazione e al supporto psicosociale.


11. I Paesi dovrebbero fornire operatori per la salute mentale e soccorritori in prima linea con opportunità di sviluppo delle capacità e di formazione, abilità psicosociali di base e altri strumenti per mitigare gli impatti psicologici di COVID-19, sia per i loro clienti sia per se stessi.


INAIL: Dossier donne 2021

 



In occasione della Giornata internazionale dell’8 marzo, l’Inail propone un’analisi del fenomeno infortunistico e tecnopatico al femminile realizzato dalla Consulenza statistico attuariale (Csa)


Suddiviso in quattro sezioni, il dossier fornisce un bilancio dei contagi professionali a un anno dall’inizio della pandemia da Covid-19. Dai dati sulle denunce pervenute all’Inail al 31 gennaio 2021, emerge che le donne sono le più colpite, con circa 70 contagi professionali ogni 100.
 
L’analisi effettuata sui dati del 2019, aggiornati allo scorso 31 ottobre, conferma la rilevanza del rischio strada per le donne: quasi un decesso su due (44 su 97, il 45,4%) è avvenuto in itinere, ossia nel percorso di andata e ritorno tra l’abitazione e il luogo di lavoro.
 
Per le lavoratrici, infine, la caduta resta la prima causa di infortunio, e i dati confermano anche la prevalenza delle patologie del sistema osteo-muscolare, del tessuto connettivo e del sistema nervoso, che superano il 90% del totale delle denunce femminili.


 



Effetti della pandemia di COVID-19 sulla salute mentale dei bambini e degli adolescenti

Molti professionisti della salute mentale segnalano un aumento di situazioni di disagio riguardanti la popolazione, anche la fascia in età evolutiva, correlati alla situazione di pandemia di COVID-19 e delle misure restrittive adottate. Da più fonti arriva il monito ad agire tempestivamente ed efficacemente a vari livelli (politico, organizzativo, sanitario, educativo, sociale), e la messa a disposizione di risorse a supporto delle famiglie, in particolare quelle più vulnerabili.