Repertorio delle storie di infortunio

Il repertorio raccoglie le storie di infortunio scritte dagli operatori dei Servizi di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro delle Aziende Sanitarie del Piemonte e della Lombardia a partire dalle inchieste di infortunio.
Il simbolo indica che le indicazioni per la prevenzione di ogni storia sono state validate dalla comunità di pratica costituita dagli operatori che ne hanno curato la redazione.

Per approfondire:
- Fubini L, Pasqualini O, Gilardi L, Ferro E, Marino M, Santoro S, Tosco E, Bena , A, Coffano ME. La narrazione degli infortuni sul lavoro come base per il miglioramento delle attività preventive Med Lav. 2016 Maggio 26;107(3):178-90
- Gilardi L, Marino M, Fubini L, Pasqualini O, Ferro E, Santoro S, Tosco E, Bena A, Coffano ME. La comunità di pratica come luogo di prevenzione:il valore della conoscenza collettiva nella sicurezza sul lavoro. Med Lav. 2017 Giugno 28;108(3):222-227.

La scossa fatale

Luogo: Lombardia

Data: maggio 2014

Comparto produttivo: agricoltura

Esito: l’infortunato è stato folgorato da una scarica elettrica ed è deceduto

Dove è avvenuto: in un campo adibito a deposito di letame

Cosa si stava facendo: Andrea, l’infortunato, stava scaricando un grosso carico di letame per conto di un’azienda agricola

Descrizione infortunio: Andrea era alla guida del trattore che trainava il rimorchio con il letame. Quando è arrivato nel luogo adibito a deposito ha manovrato il trattore per scaricare il contenuto del rimorchio che, alzandosi, ha toccato i fili elettrici che sovrastavano il campo. Andrea è sceso con un salto dal trattore, ha raggiunto la base del rimorchio e ha toccato il telaio in prossimità delle ruote; attraverso questo contatto ha innescato la scarica tra il carro ed il terreno. Lo ritroverà l’amico Fabio che sopraggiunge poco dopo, ma non potrà fare più nulla.

Come prevenire:

Andrea non era stato informato dei pericoli legati alle operazioni che doveva svolgere, non sapeva che alzando il rimorchio avrebbe raggiunto gli 8 metri e quindi sarebbe andato a toccare le linee elettriche.

Era necessario:

  • informare i lavoratori dei rischi legati alla presenza di linee elettriche,
  • utilizzare mezzi che durante le manovre rimanessero ad una distanza di sicurezza dalle linee elettriche
  • valutare i rischi legati non solo al transito ma anche a tutte le operazioni che si svolgono con mezzi ingombranti in zone dove sono presenti linee elettriche

Leggi la storia

Torna all'elenco delle storie