"Ora sto bene, sono pulito da due anni" diceva spesso Paolo.
Redazione DoRS

Era un novembre freddo, la neve aveva cominciato a scendere già dalle prime ore del mattino. Quel giorno Matteo, titolare di una piccola azienda che si occupa di manutenzione delle aree verdi, dopo tanti anni che lavorava da solo, era con Paolo che gli era stato raccomandato dalla scuola agraria presso cui aveva seguito dei corsi di formazione. Paolo aveva avuto una vita difficile, erano due anni che non faceva più uso di stupefacenti, era riuscito a disintossicarsi e a riabilitarsi.

Dovevano tagliare degli alberi e ripulirli dai rami per sistemare il parco di una bella villa della Brianza, volevano fare in fretta perché la neve continuava a scendere.

La fretta, l’inesperienza di Paolo e la sua voglia di riscatto, l’abitudine di Matteo a lavorar da solo sono i fattori di contesto che hanno contribuito all’accadimento dell’infortunio, in cui Paolo al suo primo giorno di lavoro ha perso la vita colpito da un tronco movimentato da Matteo alla guida del trattore.

 

Questa storia è la sessantaduesima aggiunta al repertorio delle storie di infortunio, nel quale sono raccolte le storie scritte dagli operatori dei servizi di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro che hanno partecipato al progetto “Dall’inchiesta alla storia: costruzione di un repertorio di storie di infortunio sul lavoro”.

Vai al repertorio delle storie di infortunio, leggi direttamente la sintesi della storia o la  storia completa "Ora sto bene, sono pulito da due anni".