Keyword : FORMAZIONE DEGLI OPERATORI SANITARI

Formazione degli operatori sanitari per rispondere alla violenza dei partner intimi contro le donne

La violenza del partner intimo (IPV) include qualsiasi violenza (fisica, sessuale o psicologica/emotiva) da parte di un partner attuale o precedente. La revisione riflette l'attuale comprensione dell'IPV come una questione profondamente di genere, perpetrata più spesso da uomini contro donne. L'IPV può avere un impatto sostanziale sulla salute fisica e mentale dei sopravvissuti. Le donne colpite da IPV hanno maggiori probabilità di avere contatti con operatori sanitari (ad esempio infermieri, medici, ostetriche), anche se spesso le donne non rivelano la violenza. La formazione degli operatori sanitari sull'IPV, compreso come rispondere alle sopravvissute all'IPV, è un intervento importante per migliorare la conoscenza, gli atteggiamenti e la pratica degli operatori sanitari e, di conseguenza, i risultati di assistenza e salute per le sopravvissute all'IPV. Obiettivi della revisione: valutare l'efficacia dei programmi di formazione che cercano di migliorare l'identificazione e la risposta degli operatori sanitari all'IPV contro le donne, rispetto a nessun intervento, lista di attesa, placebo o formazione abituale.


Sono stati inclusi 19 studi che hanno coinvolto 1662 partecipanti. Tre quarti di tutti gli studi sono stati condotti negli Stati Uniti, con singoli studi in Australia, Iran, Messico, Turchia e Paesi Bassi. Dodici studi hanno confrontato la formazione IPV rispetto all'assenza di formazione e sette studi hanno confrontato gli effetti della formazione IPV con la formazione abituale o una sottocomponente dell'intervento nel gruppo di confronto, o entrambi. I partecipanti allo studio includevano 618 personale medico/studenti, 460 infermieri/studenti, 348 dentisti/studenti, 161 consulenti o psicologi/studenti, 70 ostetriche e 5 assistenti sociali. Gli studi erano eterogenei e vari per quanto riguarda i contenuti della formazione erogati, la pedagogia e il tempo per il follow-up (da subito dopo la formazione a 24 mesi). Entro 12 mesi dall'intervento, l'evidenza suggerisce che rispetto a nessun intervento, lista di attesa o placebo, la formazione IPV: · Può migliorare l'atteggiamento degli operatori sanitari nei confronti dei sopravvissuti all'IPV; Può avere un grande effetto sull'autopercepita; Può avere un grande effetto sulla conoscenza dell'IPV da parte degli operatori sanitari, sebbene l'evidenza fosse incerta; Può fare poca o nessuna differenza per le pratiche di riferimento delle donne da parte degli operatori sanitari alle agenzie di supporto, sebbene ciò sia basato su un solo studio valutato come certezza molto bassa; · Ha un effetto incerto sui comportamenti di risposta degli operatori sanitari (basato su due studi di certezza molto bassa), con uno studio (con 27 partecipanti) che ha riportato che gli operatori sanitari formati avevano maggiori probabilità di fornire con successo consigli sulla pianificazione della sicurezza durante le loro interazioni con pazienti standardizzati, e l'altro studio che non riporta un chiaro impatto sulle pratiche di pianificazione della sicurezza; Può migliorare l'identificazione dell'IPV a sei mesi dopo la formazione. Nessuno studio ha valutato l'impatto della formazione degli operatori sanitari sulla salute mentale delle donne sopravvissute all'IPV rispetto a nessun intervento, lista di attesa o placebo. Quando la formazione IPV è stata confrontata con la formazione abituale o una sottocomponente dell'intervento, o entrambe, non sono stati osservati effetti chiari sugli atteggiamenti/convinzioni degli operatori sanitari, sulla pianificazione della sicurezza e sull'invio ai servizi o sugli esiti di salute mentale per le donne. Sono stati osservati risultati incoerenti per la prontezza a rispondere degli operatori sanitari (miglioramenti in due studi su tre) e la conoscenza dell'IPV degli operatori sanitari (migliorata in due studi su quattro). Uno studio ha scoperto che la formazione IPV ha migliorato le risposte di convalida degli operatori sanitari. Nessun evento avverso correlato all'IPV è stato riportato in nessuno degli studi identificati in questa revisione.


Nonostante le prove di supporto siano deboli e incoerenti, la formazione può migliorare le risposte effettive degli operatori sanitari, compreso l'uso della pianificazione della sicurezza, l'identificazione e la documentazione dell'IPV nelle storie dei casi delle donne. L'effetto prolungato della formazione su questi risultati oltre i 12 mesi è indeterminato.


Sono necessarie ulteriori ricerche che valutino l'impatto della formazione sull'IPV sugli esiti comportamentali degli operatori sanitari e sul benessere delle donne sopravvissute all'IPV.


Kalra  N, Hooker  L, Reisenhofer  S, Di Tanna  GL, García-Moreno  C. Training healthcare providers to respond to intimate partner violence against women. Cochrane Database of Systematic Reviews 2021, Issue 5.