Keyword : DEPRESSIONE MATERNA

COVID-19 e salute mentale materna: una revisione sistematica e una metanalisi

L’obiettivo dello studio: valutare l'effetto della pandemia COVID-19 sull'ansia e la depressione delle donne durante la gravidanza e il periodo perinatale.


La revisione sistematica e la metanalisi hanno dimostrato che l'ansia durante la gravidanza e il periodo perinatale era significativamente più alta nel periodo di pandemia. Nonostante la depressione sia aumentata tra le donne in gravidanza e nel periodo perinatale non ha raggiunto un livello statisticamente significativo rispetto al periodo non pandemico. L'impatto del blocco, con le drammatiche conseguenze, ha generato un allarme in questa popolazione ad alto rischio. Lo studio ha dimostrato che la pandemia COVID-19 rappresentava un fattore di rischio significativo per il disagio mentale, in particolare l'ansia, tra le donne in gravidanza o nel periodo perinatale. Devono essere prese in considerazione misure di sostegno per salvaguardare questa popolazione.


Le donne incinte sono considerate popolazioni vulnerabili dal punto di vista della salute mentale, quindi l'impatto psicologico del COVID-19 non dovrebbe essere trascurato. La gravidanza potrebbe essere considerata un evento stressante per molte donne; inoltre, la pandemia COVID-19 ha causato una condizione di incertezza sul possibile effetto dell'infezione pandemica sulla nascita e sulla crescita fetale e sul potenziale rischio di trasmissione verticale dalla madre al feto tra le donne in gravidanza.


 


La prevalenza dei sintomi depressivi tra le donne incinte è aumentata dal 26% (dato registrato prima di gennaio 2020) al 34,2% nel febbraio 2020 con il contemporaneo aumento dei sintomi di ansia. I dati forniscono la prova che COVID-19 potrebbe determinare gravi sfide psicologiche per le donne in gravidanza e dopo il parto, con potenziali conseguenze "a breve" e "lungo" termine per la salute delle madri e dei loro bambini. Secondo i risultati, gli operatori sanitari (in particolare i medici) dovrebbero fare uno sforzo in più per controllare lo stato mentale delle donne in gravidanza / dopo il parto durante gli appuntamenti di routine programmati.


Purtroppo la pandemia rischia di diminuire l'accesso ai servizi di salute mentale, provocando l'interruzione dei trattamenti psicologici o farmacologici, con il conseguente rischio di aggravare la precedente condizione di malattia mentale. Gli interventi per la salute mentale perinatale dovrebbero essere una priorità durante qualsiasi epidemia e pandemia pubblica. Gli operatori sanitari dovrebbero garantire un facile accesso ai servizi di salute mentale, come strategia primaria per prevenire impatti a lungo termine sugli individui e per sostenere la salute sia delle madri sia dei bambini. In epoca di pandemia, i servizi basati su Internet possono essere utilizzati come un'opzione facile e sicura per il supporto delle pazienti. Inoltre, una precedente malattia mentale è un fattore di rischio significativo per la depressione in tutte le madri, così come l'ansia tra le madri di bambini fino a quattro anni. L'esercizio fisico ha dimostrato di essere efficace nel trattamento della depressione da bassa a moderata nella popolazione non gravida. Per quanto riguarda la popolazione in gravidanza e dopo il parto, recenti metanalisi di studi randomizzati controllati hanno dimostrato che l'esercizio pre e postnatale può ridurre la depressione ei sintomi depressivi. Fare esercizio fisico regolare durante una pandemia, nonostante la chiusura di spazi ricreativi, parchi e spazi verdi, può migliorare la salute mentale materna, rispetto alle donne sedentarie. Nello scenario COVID-19, le lezioni di fitness online sembrano essere un'opzione fattibile. In assenza di controindicazioni, l'attività fisica delle mamme deve essere sempre incoraggiata.


Hessami K, Romanelli C, Chiurazzi M, Cozzolino M. COVID-19 pandemic and maternal mental health: a systematic review and meta-analysis. J Matern Fetal Neonatal Med. 2020 Nov 1:1-8.


 


Cinque maggio: Giornata Mondiale della Salute Mentale Materna

In occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale Materna del 5 maggio, viene fatto il punto sull'impatto che la pandemia ha avuto sulla salute delle donne in attesa e delle neo mamme e viene proposto un vademecum  per l'aiuto nel periodo perinatale.


Quest’anno è particolarmente importante puntare i riflettori sui problemi di salute mentale perinatale in quanto la pandemia ha cambiato radicalmente il modo in cui i Servizi vengono forniti alla popolazione e quindi la loro fruibilità e accessibilità. Insieme a ciò, la pandemia ha anche portato ad una vera e propria crisi psicologica e ad un’emergenza psichiatrica.  


Recenti rassegne sull’effetto della condizione emergenziale legata al Covid-19 hanno per esempio dimostrato un incremento del rischio di disturbi d’ansia tra le donne in gravidanza e in quelle che si trovano nei mesi successivi alla nascita del proprio figlio (Hessami et al., 2020). Se nella popolazione generale emerge un aumento significativo della prevalenza dei disturbi d’ansia, di quelli depressivi, del sonno e del distress psicologico, questo incremento appare maggiore nelle donne pluripare rispetto alle primipare e nelle donne che si trovano nel primo e terzo trimestre di gravidanza (Yan et al., 2020).


Tutelare la salute emotiva delle madri significa investire sulla salute mentale e sul benessere psicologico dei bambini.


Ecco alcuni punti importanti da tenere presenti non solo in questa giornata, ma sempre quando incontriamo una donna in gravidanza e nel primo anno dopo il parto:



  • Mamme in mente, bimbi in mente…. Aiutare le madri significa aiutare i bambini!
    In Italia 1 neo-mamma su 10 circa soffre di qualche tipo di disturbo perinatale dell'umore e d'ansia. Spesso questi disturbi passano inosservati e non vengono curati, con conseguenze che possono essere pesanti e a lungo termine sia per la madre che per il bambino.

  • Nessuno è immune!
    Donne di ogni cultura, età, livello di reddito ed etnia possono sviluppare disturbi dell'umore nel periodo perinatale. I sintomi possono comparire in qualsiasi momento durante la gravidanza e i primi 12 mesi dopo il parto. È quindi importante render noto che attualmente le donne hanno a disposizione sia percorsi di cura di tipo psicologico di comprovata efficacia, sia terapie farmacologiche. Queste ultime possono essere assunte sia in gravidanza che durante l’allattamento, senza conseguenze per il bambino.

  • Rompiamo gli stereotipi ….. Ansia e depressione e le malattie psichiatriche non sono colpe di cui vergognarsi!
    A volte le donne sono considerate e si considerano deboli ed incapaci come madri se si sentono in difficoltà emotiva o vivono emozioni forti che non hanno mai vissuto, hanno paura di essere considerate pazze o delle cattive madri. La costruzione della consapevolezza, mira a rendersi conto della difficoltà e della possibilità di essere aiutate ad uscirne.

  • Non c’è salute senza salute mentale!
    Aumentare la consapevolezza dell’esistenza dei problemi legati alla salute mentale perinatale e che questi sono più frequenti di quel che si creda, potrà portare ad un cambiamento sociale con l'obiettivo di migliorare la qualità dell'assistenza per le donne che vivono queste difficoltà e queste sofferenze. È importante ridurre lo stigma che accompagna la malattia mentale materna. (Fonte Erickson)