Keyword : TEATRO

Arti e promozione della salute. Strumenti e ponti per la pratica, per la ricerca e la trasformazione sociale

Il potenziale delle Arti come una potente forza per guidare e influenzare la promozione della salute offre infinite possibilità per raggiungere e coinvolgere il pubblico in azioni nuove e creative su questioni relative alla salute e al benessere. Nelle sue mille forme (pittura, commedia, fotografia, canto, ecc.), le Arti forniscono un solido mezzo attraverso il quale può avvenire la fusione tra cultura, equità e diritti umani integrato nella politica e nella pratica di promozione della salute. Il libro è pieno di ricchi esempi che utilizzano diverse forme d'arte per promuovere la salute attraverso la pratica, la ricerca e la mobilitazione sociale.  È anche un'ottima risorsa per studenti, ricercatori e studiosi, come preparazione per la prossima generazione di promotori della salute.


Il teatro come strategia per migliorare l'autoefficacia e il supporto sociale nel paziente con diabete mellito di tipo 2

Contesto: la mancanza di autoefficacia e supporto sociale sono due problemi trascurati nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 (DM2). Uno dei metodi popolari per migliorare questi fattori è l'educazione artistica per spettacoli teatrali (TPA), ma mancano le prove. Pertanto, questo studio aveva lo scopo di misurare l'efficacia della TPA verso il supporto sociale e l'autoefficacia nel diabete di tipo 2. Metodi: Lo studio ha utilizzato metodi quantitativi con un disegno di gruppo di controllo pre-post-test. Le due variabili misurate erano l'autoefficacia e il supporto sociale. I soggetti di questo studio erano pazienti con diabete di tipo 2 ini quattro centri di assistenza sanitaria di base. Sono state prese e confrontate misurazioni pre-test e post-test per determinare l'efficacia del TPA. Risultati: in questo studio sono stati utilizzati 102 soggetti (32 nel gruppo di controllo e 70 nel gruppo di intervento di età compresa tra 45 e 60 anni.. Il test di Mann-Whitney ha mostrato che il punteggio di autoefficacia è aumentato in modo più pronunciato nel gruppo di intervento rispetto al gruppo di controllo Conclusione: l'implementazione dell'empowerment comunitario basato sull'arte teatrale come parte dell'educazione sociale aiuta a migliorare l'autoefficacia nei pazienti con diabete di tipo 2.


Prasetyo Kusumo, Mahendro & Hendrartini, Julita & Sufro, Zaenal & Dewi, Fatwa. (2020). Theater Performing Art: a Strategy to Improve Self-efficacy and Social Support in Patient with Type 2 diabetes Mellitus (T2DM). Journal of Global Pharma Technology. 12. 70-76.


Accendere i riflettori del teatro musicale sui problemi della salute mentale

Milioni di adulti americani frequentano ogni anno il teatro musicale e molte produzioni affrontano temi psicologici, come la malattia mentale, il disturbo da uso di sostanze e il suicidio. Quasi nessuna ricerca empirica ha esaminato il ruolo potenziale della frequentazione e/o partecipazione al teatro musicale professionale come mezzo per stimolare la discussione e aumentare la consapevolezza sul tema della malattia mentale, sia per gli attori sia per il pubblico. Sono stati reclutati attraverso un campionamento quindici attori teatrali e/o registi professionisti. Interviste semistrutturate hanno esplorato come il teatro musicale con temi psicologici possa avere un impatto per il team di produzione e i membri del pubblico, e i potenziali benefici e ruoli di un consulente per la salute comportamentale (BHC) per gli attori e il pubblico. Hanno guidato le analisi I principi della ricerca qualitativa . Nelle interviste sono emersi cinque temi generali, tra cui l'impatto del teatro musicale sul pubblico, l'esperienza degli attori nel fare teatro musicale con temi psicologici, l'impegno degli attori per una rappresentazione accurata della malattia mentale nei personaggi, i ruoli che i BHC potrebbero interpretare nelle produzioni e le caratteristiche dei BHC efficaci. Lo studio evidenzia un'opportunità per gli psicologi di formare relazioni e supportare i teatri professionali e no profit locali. Sono descritti numerosi modi specifici in cui i BHC possono assistere sia gli attori sia i membri del pubblico di spettacoli con temi psicologici.


Sherman, M. D., Larsen, J. L., & Levy, R. (2021). Shining a spotlight on issues of mental health in musical theater and ways psychologists can help: Perspectives of theater professionals. Professional Psychology: Research and Practice. Advance online publication.


La partecipazione teatrale migliora la salute mentale degli anziani che vivono in comunità: uno studio controllato randomizzato.

Il teatro di riproduzione è una forma di teatro di improvvisazione che combina l'espressione artistica con l'esplorazione di storie di vita in un processo creativo di gruppo. L'obiettivo dello studio era esaminare un intervento integrativo per gli anziani, che include la partecipazione al teatro di riproduzione secondo il metodo della revisione della vita. I ricercatori hanno esaminato l'effetto dell'intervento sugli aspetti positivi e negativi della salute mentale tra gli anziani residenti in comunità nei centri diurni per adulti. I partecipanti hanno riferito sugli aspetti della salute mentale e della malattia mentale prima, immediatamente dopo e 3 mesi dopo l'intervento. I risultati convalidano l'efficacia dell'intervento per migliorare gli indici positivi di salute mentale: accettazione di sé, crescita personale, relazioni con gli altri, soddisfazione per le relazioni, benessere attuale, affettività positiva, senso della vita, soddisfazione per vita, autostima e sintomi depressivi. Questo miglioramento è rimasto stabile 3 mesi dopo l'intervento. I risultati confermano che un intervento di gruppo creativo strutturato a breve termine, che integra la revisione della vita con la partecipazione al teatro di riproduzione, induce un effetto psicologico positivo forte e persistente negli anziani che vivono in comunità. L'attuale studio suggerisce che questo tipo di intervento creativo nella comunità può fornire un'opportunità per gli anziani di migliorare e sperimentare una crescita psicologica.


Keisari, S., Palgi, Y., Yaniv, D., & Gesser-Edelsburg, A. (2020). Participation in life-review playback theater enhances mental health of community-dwelling older adults: A randomized controlled trial. Psychology of Aesthetics, Creativity, and the Arts. 


Che ci faccio qui: "Siamo tutti matti"

Dove sono finiti i pazienti usciti dagli ospedali psichiatrici dopo la legge Basaglia del '78? Chi li cura oggi? Chi li accoglie? "Siamo tutti matti" è un viaggio spiazzante nella disabilità mentale, a più di quarant'anni dall'abolizione dei manicomi nel nostro Paese. Domenico Iannacone, con una puntata speciale di "Che ci faccio qui", ci porta in un luogo straordinario: Il Teatro Patologico di Roma fondato da Dario D'Ambrosi. Dal 1992, attraverso la recitazione le persone affette da disagio mentale trovano il modo di comunicare e di uscire dall'isolamento. Una Compagnia teatrale unica al mondo, impegnata oggi nella messa in scena de Il Cappotto di Gogol. D'Ambrosi, attore e regista, uno dei maggiori artisti d'avanguardia italiani, da giovanissimo si è fatto rinchiudere per tre mesi in un manicomio per capire cosa fosse la malattia mentale. Di quell'esperienza Dario ne fa ancora oggi uno scopo di vita. Siamo tutti matti ci porta tra le vite di Paolo, Cristiana, Marina, Antonella, gli attori affetti da disagio mentale che animano questo luogo straordinario e ci spingono a riflettere su quanto sia labile il confine tra normalità e follia. (Fonte Raiplay)