Setting Ambienti di lavoro

Parola a Matteo

Un palco da montare da zero e in tempi stretti. Siamo in molti a lavorare: incominciamo a innalzare la struttura e tutto fila liscio, come il solito. Ormai è quasi automatico. Eppure in un attimo, un istante, un secondo capisco che qualcosa non sta andando come dovrebbe. Vedo i miei colleghi scappare e sento le urla. Corro, pur non sapendo cosa stia succedendo, ma in quel secondo non penso da che parte andare. Corro. E un istante dopo, il buio.


Prevenzione degli infortuni in edilizia: gli interventi complessi funzionano

Una recente revisione di letteratura rileva che, per la maggior parte degli interventi relativi alla prevenzione degli infortuni in edilizia, non è possibile dimostrare prove di efficacia. Sulla base dei dati raccolti, al momento risultano efficaci principalmente gli interventi multicomponenti.


Le malattie muscolo scheletriche e il monitoraggio dell’attività muscolare mediante tecniche di elettromiografia di superficie

Sono disponibili i materiali presentati al seminario che si è tenuto il 26 gennaio 2018 relativo alle tecniche di elettromiografia non invasiva nella prevenzione delle malattie neuromuscolari.


Samir, giovane lavoratore curdo senza contratto

Di lui parla la 54esima storia aggiunta al repertorio delle storie di infortunio. Samir lavora di notte in fonderia, non ha più il permesso di soggiorno e un regolare contratto di lavoro.  


Importante novità sui cancerogeni dalla Direttiva (UE) 2017/2398 uscita a dicembre 2017

La direttiva fissa valori limite di esposizione per 11 agenti cancerogeni, rivede i limiti per la polvere di legno duro e il cloruro di vinile monomero, include tra le lavorazioni che comportano rischi di esposizione ad agenti cancerogeni “i lavori comportanti esposizione a polvere di silice cristallina respirabile generata da un procedimento di lavorazione”.