Salute e sicurezza negli ambienti di lavoro in presenza di sostanze pericolose
Luisella Gilardi, DoRS

Ancora oggi i lavoratori europei sono esposti a sostanze chimiche pericolose. Nella seconda edizione dell’indagine europea tra le imprese sui rischi nuovi ed emergenti (Esener-2) dell’EU-OSHA, il 38 % di queste ha riferito che nei loro ambienti di lavoro erano presenti sostanze chimiche o biologiche sotto forma di liquidi, fumi o polveri.

Un malinteso comune è quello di considerare sostanze pericolose soltanto i prodotti chimici fabbricati o addirittura solo le sostanze chimiche che emanano un odore forte o hanno effetti pericolosi immediatamente evidenti. Molte delle sostanze pericolose cui sono esposti i lavoratori, quali le emissioni di gas di scarico dei motori diesel,i fumi e le polveri di saldatura, sono generate dai processi di lavorazione. Altre, come l’amianto, il petrolio grezzo e la farina provengono da fonti naturali. Allo stesso modo, anche alcuni componenti alimentari o prodotti farmaceutici possono presentare rischi per i lavoratori. Queste sostanze pericolose potrebbero non essere etichettate con simboli di pericolo e le informazioni delle schede di dati sulla sicurezza,richieste dalla legislazione in materia di sostanze chimiche, potrebbero non essere disponibili.

Le categorie esposte a rischi particolari possono essere donne, giovani lavoratori, lavoratori migranti e lavoratori con meno probabilità di aver ricevuto formazione e informazioni (ad esempio subappaltatori o lavoratori temporanei e lavoratori dell’economia informale).

Per accedere al sito della Campagna  “Salute e sicurezza negli ambienti di lavoro in presenza di sostanze pericolose 2018- 2019”.

Risorse e articoli curati da DoRS  su questo tema

 

 

-